Visualizzazione post con etichetta punti fermi. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta punti fermi. Mostra tutti i post

sabato 8 luglio 2017

CONFITEOR 0

Confesso di aver sicuramente rilasciato, negli anni,  dichiarazioni imbarazzanti in lungo e in largo per il mio blog ma di non aver la benché minima voglia di andare a ripescarle.

Nuntio vobis:
 questa serie comincia qui.

mercoledì 17 dicembre 2014

CHIEDI ALLA POLVERE


se ci riesci, e senti che ti dice.

Vedi se c'è traccia, se qualcosa è rimasto, di questi 14 anni.

Forse solo nei segni lasciati dalle cose,
o dalla polvere che si è sedimentata intorno.

Ho tolto tutto (dalla scrivania)*, ho buttato tutto.
Solo la polvere c'è rimasta. Forse. 
E comunque ancora per poco.

14anni. puffffffff




*avevo omesso questo piccolo dettagliuzzo...
sono stati giorni pesi. per quanto sia stata una scelta, 
dura da maturare, ma pur sempre una scelta, è stato tutto così totalizzante 
da farmi perdere di vista il fatto che potesse esserci anche dell'altro.

domenica 13 aprile 2014

DOPO MATTATOIO N°5

...SPAGHETTINO N° 3

Pasta?
Pasta!

Ho troppa fame, questa ci mette troppo tempo cuocere, meglio questi. ça va?
ça va!

Ha preso una pentola bella alta, ci ha messo dentro due dita d'acqua, del sale grosso preso da una graziosa ciotolina arancione e poi giù un abbondante giro d'olio d'oliva.
E fin qua, per quel che ne so io, va benissimo anche per togliere l'affascino.

Ha preso una pentola bella bassa, ci ha messo dentro dell'olio d'oliva e poi giù una bella bottigliata di passata di pomodoro.
ok,comincio a capire.

Da qui in poi, immaginatevi ai fornelli la dea kalì.

Nella pentola alta alta ci è finita al volo volo tutta tutta l'acqua del bollitore.

Un colpo secco e taaaaaaaaaac
mi ha spezzato a metà gli spaghettini (e con loro il cuore!)
che sono finiti dritti dritti nell'acqua bollente.

Dal frizer è sbucato quello che poi si rivelato essere un medaglione di carne trita che è stato prontamente lanciato al microonde.

Padellino. Olio.

E per gli spaghettini IL BIG BANG HA DETTO STOP
Scolapasta e via.

La trita nell'olio, veloce!
E giù mazzate col cucchiaio di legno.
Gira gira gira
e ciaffffffffff
va' la trita che è finita nel sugo.

...e va' gli spaghettini che sono ancora nello scolapasta.

Tapini loro, avran mica preso paura per qualche cosa?
Sarà mica per questo che quando hanno visto il forchettone gli si sono attaccati intorno tuttiinsiemevicinivicini?

Ma io ho messo l'olio? Ma come si fa per non far attaccare la pasta?
ehhhhhhhhhh mon cher

E comunque ieri sera l'ho sentito...per cena cucinava lasagne







mercoledì 7 novembre 2012

DI TUTTE LE COSE DATABIILI E INDATABILI

Ma quando è successo? Ieri pomeriggio, la settimana scorsa, due mesi fa...
Chiedimi
"quando hai comprato questi stivali?" ed io ti dico "la scorsa settimana"
(e infatti mi fanno un po' male)
"quando ti è caduto il primo dentino?" ed io ti dico "mai, me li hanno tolti tutti con la forza"

Adesso ti faccio io una domanda.
Quand'è che si comincia a sottolineare, evidenziare, incorniciare,
perché un giorno
se e quando qualcuno -magari tu stesso- ti chiede "ma..."
tu saprai cosa dire?
Ricordare è da grandi, è da gente che ha già capito che ci si può voltare indietro a guardare
e che indietro e dentro, a questo punto, non sono due cose così distanti.

E poi ci sono le cose che sono sempre state così. Abitudini? Certezze? Perché no.
Ad esempio le somme di piccoli eventi -le tante carezze, i tanti abbracci, le tante sgridate.. un po' meno schiaffoni- che si stratificano a formare quell'affetto, quel sentimento, quell'idea di noi.
Tutte le carezze non te le ricordi ma poco importa, perché se anche ne togli una il risultato non cambia.(anche se avrei fatto volentieri a meno di qualche sberlone!)

Un giorno, non dico come tutti ma sicuramente come tanti, rispondi ad una telefonata potenzialmente canonica e succede: realizzi che non sai quando, ma qualcosa è cambiato.
Lui che è sempre stato quello equilibrato della famiglia, quello che non si agitava mai per niente e soprattutto mai sull'onda dell'emozione dilagante del momento, quello che se ne andava a dormire perché "per affrontare una situazione difficile bisogna essere riposati",
lui adesso (a-des-so, bah!) urla nel cuore della notte.

"Perché?"
"Perché vedi, con l'età le cose cambiano, le prospettive anche ed i pensieri si arrovellano..."

" Si ma...quando è successo? "



giovedì 25 ottobre 2012

CAMBIAMENTI DI FASE

ovvero, della sublimazione dell'ira.

Purpu affucatu,
patani scazzati e piparuli cruschi.
In questo menu violento i piparuli cruschi sembrano innocui e fuori contesto.
Sembrano.
Fino a quando non sei lì davanti all'olio che frigge.
Credetemi se vi dico che fare i piparuli cruschi è un'ordalia.
(a proposito di innocenza...aspettate fiduciosi il momento della digestione)

L'indignazione è un moto di testa.
La rabbia no, lei parte dal corpo, la senti esplodere nella pancia e dilagare.
L'indignazione la puoi dirottare,
la rabbia no, lei non si fa arginare.

Ed è dal corpo che è nata ed è al corpo che è tornata la mia rabbia.

Ma ieri sera no, non l'avevo mica capito.
Ieri sera, secondo me, stavo solo cucinando.
L'ho capito stasera, a pancia vuota e cervello spento, davanti ad una rassicurante pizza&birra.
Che ingenua.

sabato 6 ottobre 2012

AU MARCHE'

La signora pugliese ha colpito ancora.

Mi dà un po' di cicoria? un mazzetto direi
"UN MAZZETTO??? E CHE TI MANGI, SECCA SECCA!"
 (aumentate volume e frequenza a piacimento ché tanto non sbagliate)
Credo che il 90% della popolazione mondiale, rispetto alla signora, si può definire "secca secca".
La signora ha un giro fianchi che, a volerlo, può scatenare tutti gli elementi
...altro che il battito d'ali di una farfalla in cina!
Ma la signora non è "abboffata" come, per dirne una, le americane venute su a bevande gassate e patatine fritte affogate in salse di origine a dir poco aliena.
La signora è venuta su, e anche a destra e sinistra e davanti e dietro, a risopatateecozze:
la signora è "tusizza"!

Ma quella è senape? e come si cucina? (mai paga e mai doma io)
"MEEEEEEEEEEE COME SI CUCINA...COME LE CIME DI RAPE.
CI FAI DUE SPAGHETTI E VEDI CHE TI MANGI"
E giù una borsettata di senape ché la signora, nel fare le porzioni, ha occhi e mani formato famiglia.

Porgendomi le due borse, mentre io scompaio tra le fresche frasche:
"TANTE VERDURINE FRESCHE COME PIACCIONO A NOI TERRONI"
Eccallà.

Non mi sono mai piaciuti gli amarcord da "partono i bastimenti, p' terr'assai luntane".
Non mi sono mai piaciuti gli appartamenti "noi siamo tutti di giù".
Non sono mai "dovuta partire"
Non mi sento emigrante e non posso nemmeno dire di essere viaggiatrice,
sono passati vent'anni e non ci crederebbe nessuno, nemmeno io.
Semplicemente me ne volevo andare e me ne sono andata.
Non perché GIÙ ci stessi male, non perché GIÙ mi mancasse qualcosa:
semplicemente me ne volevo andare, semplicemente volevo altro.

Se c'è una cosa che ho sempre voluto è andarmene, a prescindere da dov'ero.
Se c'è una cosa che ancora voglio è altro, a prescindere da quello che ho.
 A volte può essere un problema, a volte  una ricchezza.

Assodato che la signora, con quei fianchi, può dire tutto quello che vuole
tanto io le vorrò sempre incondizionatamente bene!
DUE le ore che ci sono volute per pulire le borsettate di verdura;
TRE le porzioni di spaghetti con la senape;
QUATTRO le porzioni di cicoria con fagioli o con fave
che offro volentieri.
Gli ospiti, ça va sans dire, portano il vino.

mercoledì 8 agosto 2012

IMMEDIATELY

I need the results. Immediately.

...

Caro cliente,
l'unica cosa che posso mandarti immediately è un vaffanculo.
che faccio, lascio???


[sullepunte....this is for you!]

sabato 16 giugno 2012

SIC EST!

Lei ha dieci anni in meno di me, lui dieci anni in meno di lei che, sommati, fanno venti in meno di me.
Ma non sono i numeri quelli che mi fanno impressione,anzi.
I numeri li ho trovati sempre molto rassicuranti.
Io sono quella che quando non sapeva che pesci prendere prendeva il Buzzetti e si sparava una funzione integrale.Così. Per la tranquillità che dà affrontare un problema che, per quanto complicato possa essere, ammette una ed una sola soluzione.

E' che è piccolo, dannatamente piccolo.Sembra un hobbit.
Porta a spasso i suoi boccoli biondi con la goffagine di quei cuccioli che ti tagliano la strada, ti saltano addosso facendoti perdere l'equilibrio e tu li guardi e pensi
"che cucciolo, però va' che zamponi, diventerà bello grande!"
Già. Diventerà.
E intanto lui sta lì, tra una mamma sola e non troppo in bolla che lo chiama "il suo maritino" e che quando non c'è va a dormire nel suo letto ed una fidanzata che se lo porta a spasso come se fosse il suo compagno di giochi. Che se fosse solo una questione di giochi..Evvivadio!

Chi ci ha visti deve aver pensato che ero un'assistente sociale che li portava in una qualche casa di accoglienza.
La casa che li accoglie, mi spiace, ma non può essere la mia.
Li ho accolti una volta, di passaggio, non mi sento di accoglierli ancora.

Non giudico, ma prendo posizione.



mercoledì 23 maggio 2012

DARK SHADOWS


Adesso è tutto chiaro:
i vampiri, sollevatisi dal fiero pasto,non si puliscono la bocca per non rovinarsi il trucco!

mercoledì 2 novembre 2011

TUTTO E' RELATIVO


"Cincia, mi devi credere, non lo dico tanto per dire
IO sono più esaurita di tua madre!"

Non esistendo unità di misura in grado di cogliere il valore assoluto dell'esaurimento,
non esistendo un valore di soglia  misurabile oltre il quale potersi dichiarare oggettivamente ed incontestabilmente esauriti,
in famiglia e non ci si tara su mia madre!
che comunque
poco o tanto, abbastanza o terribilmente
è strutturalmente esaurita.
 

venerdì 16 settembre 2011

MEMENTO 39


Non si mettono mai tante energie per dimostrare a tutti i costi di aver ragione
come quando si ha torto

giovedì 25 agosto 2011

PARLA COME MANGI

basta "nuvole"
basta "petali"
basta "letti"

ho voglia di cose buone,
ho voglia di persone schiette...
caramelle non ne voglio più
ed anche il fumo negli occhi, detto tra noi, lo trovo abbastanza fastidioso!!!




sabato 6 agosto 2011

QUINDI

Prendendo energia dal pain-chocolat,
carica dal caffè,
dolcezza dal cioccolatino regalatomi dalla vecchina del secondo piano,
quel tanto di ritmo del respiro e malinconia dalla sigaretta,
ho interrotto l'attesa:
ho scritto,
collocandomi in punto lontano dalla reazione di pancia iniziale ed anche dalla reazione sarcastica finale.
Vorrei tanto che si trattasse del punto giusto, du bon milieu,ma quello si sa che non esiste.

Speravo solo di sentirmi più leggera, non dico serena ma vagamente tranquilla 
ed invece....così non è.




venerdì 29 luglio 2011

MEMENTO 38

Mai dare una seconda occasione a chi non ha saputo sfruttare la prima
[A. Busi]

venerdì 8 luglio 2011

LA SIGNORA DESIDERA?

Se sul tavolo hai un "SI" ed un "NO" 
e tu scegli il "NO"
non è colpa di chi te li ha offerti
e non è colpa del tavolo.

Puoi cacciar via il cameriere,
puoi rompere il tavolo,
continuerai a scegliere sempre il "NO"
...lo hai già fatto!

venerdì 27 maggio 2011

PRURITI


Mi prudono le mani.

La diagnosi è chiara:
Sono allergica al pelo delle gatte morte!
 

mercoledì 27 aprile 2011

IO AMO QUEST' UOMO #2


FILIPPO TIMI_favola
Come posso mettere al mondo un figlio senza insegnargli ad essere cattivo?
Non dico malvagio, ma almeno cattivo quel tanto che basta per pretendere di essere felice.”
[Filippo Timi]

...ecco, si!

giovedì 3 marzo 2011

AD ONOR DEL DRAGO

che è un essere fiero, di intelligenza sottile, indolente, presuntuoso, indomito, permaloso,
ironico, amante di tesori incommensurabili, iracondo
...focoso!
e che io amo appassionatamente!

In questi tempi confusi si parla troppo,
si parla troppo sul nulla per distrarsi dal guardare in faccia la realtà più cruda
e comunque si parla male.

Si chiama drago chi in realtà è un porco.

Si dimentica che non erano certo le vergini ad offrirsi al drago,
erano i padri ad offrirle al drago in cambio di pace e prosperità del regno.

Si fa finta di non sapere che, senza giudizio alcuno per carità,
in ogni caso "vergine" è un'altra cosa.

mercoledì 16 febbraio 2011

IO ED IL MIO SENSO DELL'ORIENTAMENTO

Quando guardi troppo spesso indietro,
quando pensi solo al passato,
a ciò che è stato, 
a ciò che avrebbe potuto ma non è stato,
a come invece avrebbe dovuto essere,
ai mille passi ed ai mille ponti,
ai perchè ed ai percome, che ti hanno portata fin qui

Girati

Stai vivendo nel verso sbagliato.